skip to Main Content
NUTRIRE BOLOGNA

LA PROPOSTA DI SLOW FOOD BOLOGNA PER RIGENERARE IL SISTEMA AGROALIMENTARE DELLA CITTÀ’

Il lockdown ci ha restituito una fotografia cruda del nostro sistema sociale ed economico: sotto la spinta dell’era industriale le attività antropiche hanno consumato le risorse naturali e inquinato l’ecosistema terrestre senza tener conto delle sue capacità di rigenerazione. Siamo di fronte a una crisi ecologica senza precedenti. Ci troviamo a un bivio: proseguire sulla via della “normalità” oppure rallentare e prendere parte al processo rigenerativo della Terra, ripensando integralmente il nostro modo di vivere, di consumare e di trasformare risorse naturali. Per noi di Slow Food ciò deve avvenire a partire dal cibo, che è il bisogno primario, la lente attraverso la quale guardiamo il mondo e il futuro. 

Il cibo è un atto politico: a nostro parere deve essere buono, pulito e giusto perchè deve ridurre le disuguaglianze ed essere democraticamente accessibile a tutti; deve prodursi in modo sostenibile e senza sprechi; deve assicurare a tutti i lavoratori una equa retribuzione e il rispetto dei diritti, ma anche veicolare socialità, convivialità e cultura. 

E’ auspicabile intraprendere la transizione verso una filiera agroalimentare corta, a impatto zero, salubre, sicura. Per fare questo occorre rafforzare il processo di collaborazione tra il pubblico e il privato, avviando una conversazione con i produttori, i consumatori, i commercianti, i ristoratori, gli enti pubblici e privati, le associazioni di categoria, le organizzazioni sociali e gli enti formativi e di ricerca, creando un’agorà per accogliere i contributi, le buone pratiche, le innovazioni e le soluzioni e armonizzarli in una proposta progettuale solida, condivisa, realizzabile. 

Di qui nasce NUTRIRE BOLOGNA, 5 linee di indirizzo strategico per mettere il cibo al centro di una riflessione corale e cittadina per:

  1. progettare il settore agroalimentare di prossimità con una visione sistemica e di lungo periodo sul cibo “dal campo al piatto” che accolga tra i principi ispiratori i 17 obiettivi di Sviluppo Sostenibile, il Green New Deal, la strategia Farm to Fork e il P.S.R. 2021-2027, rinnovando l’impegno della città alla lotta al cambiamento climatico e al Milan Urban Food Policy Pact;
  2. sostenere la filiera corta agroalimentare, i mercati contadini e i piccoli produttori costruendo un modello collaborativo, contribuendo al welfare di comunità, all’inclusione sociale e allo sviluppo economico del territorio;
  3. investire nelle infrastrutture materiali e digitali per la distribuzione dei prodotti locali, ottimizzare la logistica di base puntando su mobilità sostenibile e innovazione anche per la lotta allo spreco alimentare;
  4. rimodulare la narrativa sulla ristorazione e sull’accoglienza per un’offerta culturale e turistica unica al mondo sostenendo la ristorazione di qualità e le botteghe artigiane;
  5. introdurre percorsi di educazione alimentare nelle scuole di ogni ordine e grado per una dieta più sana e sostenibile e per innovare il sistema educativo e formativo 

A questo link potete visualizzare e scaricare il documento completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *