skip to Main Content

E’ uno dei progetti più importanti di Slow Food, originato nell’incontro mondiale ”Terra Madre”, (Torino, ottobre 2004) è fondato sulla rete delle Comunità del Cibo, costituita da produttori, trasformatori e consumatori che si impegnano per la difesa di un particolare prodotto, promuovendo il diritto alla sovranità alimentare e al consumo di cibi preparati secondo pratiche e usi locali. In questo modo si preservano l’identità, la storia e la tradizione di un luogo e si promuovono l’economia, il mantenimento e la cura del territorio.

Le Comunità si impegnano a garantire un cibo sano e sostenibile per tutti.
La rete, attraverso gli scambi e la condivisione di esperienze tra le varie Comunità, favorisce la conoscenza tra popolazioni diverse e permette a chi ne ha bisogno di ricevere aiuto per il proprio sviluppo indipendente.

Il gruppo nasce con la volontà di allargare lo sguardo seguendo le rotte del Mediterraneo, dell’Africa, della “nuova via della seta”, del Nord e dell’Ovest, per continuare a costruire nella società la consapevolezza critica di quanto pesi ogni azione e ogni scelta che si compie, alimentare, economica e culturale che sia.

I sei temi coprono un ventaglio di possibili iniziative decisamente ampio e sicuramente ogni Condotta/Comunità si ritroverà in almeno uno di essi.

  • I cambiamenti climatici, le nostre scelte alimentari, l’agricoltura che vogliamo;
  • L’Africa di Slow Food e Terra Madre;
  • La biodiversità, i saperi, le comunità e le culture tradizionali che vogliamo difendere e sostenere;
  • I saperi indigeni, alleati chiave per affrontare le sfide globali;
  • La trasmissione di saperi, l’accesso alla conoscenza, l’Università diffusa;
  • La plastica negli ecosistemi del pianeta: una minaccia per il nostro cibo e la nostra salute;